Salani © 2000 - 2017

Il drago come realtà

Silvana De Mari

Condividi
Il drago come realtà
Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Ragazzi, Saggistica generale
Ean
9788884516190
Formato
Brossura
10,00 €

Le fiabe non conterrebbero nulla di reale se la psiche delle creature umane fosse incorporea. Questa psiche è contenuta in un corpo, ed è diverso se questo corpo è in un mondo di fame e disperazione, in una terra dove le madri sono trascinate verso i roghi e dove passano i lanzichenecchi, oppure se è in un posto in cui l'unico dubbio è 'insieme al tè, ci facciamo i frollini o i biscotti al cioccolato?'. Nel primo caso la fiaba è Hansel e Gretel, nel secondo Winnie Puh. In realtà la fiaba, narrazione fantastica senza alcuna pretesa di verosimiglianza, nata dal basso, spontanea e anonima, proprio per il suo contenuto fantastico è in assoluto la narrazione che è più vicina alla realtà storica: è l'unica narrazione dove la realtà storica, di qualsiasi tipo, sia stata rappresentata. Età di lettura: da 13 anni.

Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Ragazzi, Saggistica generale
Ean
9788884516190
Formato
Brossura
10,00 €
Condividi

Dello stesso autore

L'ultimo orco

L'ultimo orco

Silvana De Mari

Anche in questo libro incontriamo Yorsh, l'ultimo elfo, oramai adulto. Ma il vero protagonista di questo libro è Rankstrail, soldato di ventura che combatte una guerra contro gli orchi. Mentre Yorsh è un eroe per destino, per Rankstrail è diverso: non è un predestinato, deve ...

Continua a leggere
L'ultimo elfo

L'ultimo elfo

Silvana De Mari

In una landa desolata, annegata da una pioggia torrenziale, l'ultimo Elfo trascina la propria disperazione per la sua gente. Lo salveranno due umani che nulla sanno dei movimenti degli astri e della storia, però conoscono la misecordia, e salvando lui salveranno il mondo. L'elfo capirà ...

Continua a leggere
La bestia e la bella

La bestia e la bella

Silvana De Mari

In un regno lontano c'è un principe giovane e crudele che governa con pugno di ferro. È talmente cattivo che i suoi sudditi gli augurano tutti i giorni di sparire, di perdersi nei boschi e di non tornare più. E poi, un giorno, una vecchia ...

Continua a leggere