Salani © 2000 - 2017

I miei vent'anni

Helga Schneider

Condividi
I miei vent'anni
Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Narrativa generale
Ean
9788867150229
Formato
Brossura fresata con alette
13,90 € Acquista

Negli anni del dopoguerra la giovane Helga Schneider cerca il suo posto nel mondo. E' andata via dalla casa di suo padre e viaggia per l'Europa, guidata da una sola certezza: la vita che l'aspetta sarà sempre comunque migliore di quella che ha lasciato.
Salisburgo, Vienna, Parigi, l'Italia sono i teatri delle sue esperienze; l'amore, il tradimento, la delusione, l'entusiasmo, la fatica di guadagnarsi da vivere e la passione per la scrittura, tutto si mescola in questo memoir dove Helga Schneider racconta se stessa con l'ebbrezza di che si abbandona alla narrazione per la prima volta.


"Una prosa di grande nitidezza, senza mai un cedimento."
La Stampa

Dettagli
Collana
FUORI COLLANA
Genere
Narrativa generale
Ean
9788867150229
Formato
Brossura fresata con alette
13,90 € Acquista
Condividi

Dello stesso autore

L'inutile zavorra dei sentimenti

L'inutile zavorra dei sentimenti

Helga Schneider

Per Karl, l’amore è rimasto chiuso nella prima giovinezza, insieme alle poesie che scriveva e alle sue fantasticherie di adolescente: il padre ha deciso che la sua vita seguirà la rigida disciplina della carriera militare, e l’ultimo rifugio della sua anima sognatrice rimane Sigrid, l’adorata ...

Continua a leggere
Heike riprende a respirare

Heike riprende a respirare

Helga Schneider

Berlino, 1945. Heike, dieci anni, vive con la madre nello scantinato della loro casa distrutta dalle bombe. Il padre è disperso, ma Heike sa che tornerà: non smette di parlarne al suo più grande amico e confidente, il grande melo che cresce nel giardino. Attorno, ...

Continua a leggere
L'albero di Goethe

L'albero di Goethe

Helga Schneider

Goethe amava passeggiare nei dintorni di Weimar, e si sedeva spesso a scrivere all’ombra di un faggio. Fu nei pressi di quel luogo che nel 1937 i nazisti costruirono il campo di concentramento di Buchenwald; quell’albero divenne testimone di atrocità e ...

Continua a leggere